Perché la tua campagna su Google Ads non funziona e spendi un sacco di soldi

Google ads è uno degli strumenti più usati per fare campagne di digital marketing, spesso e (non) volentieri i risultati non sono all’altezza delle aspettative. In questo post vedremo alcuni degli errori più comuni e delle novità degli ultimi mesi. 

TUTTA COLPA DEL FUNNEL

Le campagne di digital marketing a volte vengono fatte come se fossero ognuna a se stante dall’altra, da una parte Google, dall’altra i social, poi le email etc. Quindi la prima soluzione è assicurarsi di avere un corretto funnel di vendita che integri i risultati di tutte le campagne, ad esempio con lo schema campagne:

>landing page>marketing automation>datastudio come sistema di analytics.

il tuo funnel – il processo che porta il tuo pubblico dal punto A al punto B – è quello che ti porterà nuovi lead o clienti. Cominceranno su Google o su un altro sito web, a seconda degli annunci che usi, cliccheranno sul tuo annuncio e finiranno sul tuo pagina di destinazione. 

Quella pagina di destinazione potrebbe essere la pagina principale di tuo sito web, una pagina di prodotto, un link di iscrizione all’e-mail, o una pagina di destinazione creata appositamente per il tuo annuncio. I tuoi obiettivi per i tuoi Google Ads determinano il design, la funzionalità e la messaggistica della tua landing page e call-to-action (CTA).

Prepara la tua landing page e ottimizzala prima di iniziare una campagna pubblicitaria. Poi crea dei percorsi di email marketing (marketing automation) che permettano di superare il concetto semplice di newsletter, ed in ultimo utilizza datastudio per visualizzare in un’unica interfaccia i risultati di tutte le campagne, così da comprendere il reale valore delle campagne attive. 

NON SOLO KEYWORD BRAND

Classico problema che si trova nelle campagne Google, infatti analizzando i risultati da Google Analytics si ha l’impressione che le campagne brand siano quelle che portano il maggior numero delle conversioni. Ma è un errore. 

Google analytics funziona secondo il principio del last cookie win, ovvero segna come risultato della vendita o lead solo l’ultimo click, ma se un utente fa più click su diversi annunci ad esempio annuncio con keyword generica >altra keyword generica >keyword brand, su Google analytics vedrai solo l’ultima, avendo l’errata convinzione che a convertire sia stata quest’ultima e non il percorso che ha fatto nella sua interezza. 

È importante capire che se non ci fossero stati i primi due click sugli annunci generici, non ci sarebbe stato neanche l’ultimo, ne consegue che le campagne generiche partecipano al risultato più dell’ultimo, anche se nei report non vengono neanche menzionate.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

SEMPLIFICARE L’UTILIZZO DEGLI ELENCHI CUSTOMER MATCH

Google Ads non è solo keyword, ma ancora di più è audience Customer Match ti consente di creare un legame più solido con i tuoi clienti utilizzando le informazioni che ti hanno fornito. Grazie all’integrazione di queste informazioni nella tua strategia basata sui dati proprietari, puoi creare elenchi dei segmenti di pubblico e interagire con i clienti nelle campagne sulla rete di ricerca, Shopping, video e discovery. 

ACQUISIRE UTENTI DI APP DI ELEVATO VALORE SU LARGA SCALA CON LE OFFERTE BASATE SUL ROAS TARGET

L’ottimizzazione delle entrate e del ritorno sull’investimento è fondamentale per far crescere la tua attività di sviluppo di app. Se disponi di un’app Android che utilizza i rapporti sulle conversioni dell’SDK Firebase, puoi usare le offerte basate sul ritorno sulla spesa pubblicitaria target (“ROAS target”) nelle campagne per app per incrementare le installazioni al fine di raggiungere questo obiettivo.

Non devi fare altro che inserire il budget e il ROAS target desiderato e Google utilizzerà questi valori per trovare nuovi utenti che ti consentano di raggiungere gli obiettivi di rendimento dell’app. 

SUPPORTO AI PARTNER PER IL LANCIO DELLE NUOVE NORME DELL’ATT DI APPLE 

Apple ha annunciato che le app per iOS inviate per la revisione a partire dal 26 aprile devono rispettare le norme dell’App Tracking Transparency (ATT) e richiedere l’autorizzazione quando utilizzano determinate informazioni provenienti da app e siti web di altre aziende per scopi pubblicitari, anche se hanno già ottenuto il consenso dell’utente. Per aiutarti ad adeguarti e raggiungere gli obiettivi della tua campagna su iOS, ti offriamo le indicazioni, risorse e best practice più recenti. 

MAGGIORE CONTROLLO PER GLI INSERZIONISTI SULLA POSIZIONE IN CUI VENGONO PUBBLICATI GLI ANNUNCI 

La fiducia dei nostri partner pubblicitari è fondamentale. Per questo offriamo agli inserzionisti controlli granulari per raggiungere i segmenti di pubblico che li interessano su siti e app che riflettono i loro valori. Oggi siamo lieti di annunciare una nuova funzionalità che consente agli inserzionisti di evitare più facilmente che gli annunci vengano pubblicati accanto a contenuti non in linea con il loro brand o la loro campagna.

MIGLIORARE IL RENDIMENTO DELLE CREATIVITÀ YOUTUBE  

Conoscendo l’enorme impatto delle creatività sull’incremento delle vendite, su Youtube sarà presente gli esperimenti video a livello mondiale in Google Ads. Questi esperimenti sono facili da configurare e forniscono risultati rapidi in base ai quali intervenire. Quindi, se state cercando di capire in che modo i diversi annunci video incidono su impatto del brand, conversioni o CPA, potete anche prendere decisioni più consapevoli che migliorano i risultati su YouTube. 

I RAPPORTI SULL’ATTRIBUZIONE ORA INCLUDONO GLI ANNUNCI DISPLAY, YOUTUBE E SHOPPING 

L’attribuzione in Google Ads ti aiuta a comprendere i percorsi intrapresi dagli utenti per completare una conversione. Il merito delle conversioni viene assegnato ad annunci, clic e altri fattori lungo il percorso, in modo che tu possa concentrare i tuoi investimenti sui contenuti multimediali che hanno il maggiore impatto sui risultati. Per offrirti una visione ancora più olistica dei tuoi contenuti multimediali su Google, sono stati aggiunti gli annunci display ai rapporti sull’attribuzione, oltre agli annunci della rete di ricerca (inclusi gli annunci Shopping) e di YouTube.

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

CREARE ANNUNCI TENENDO PRESENTE LA RICERCA VOCALE 

Si prevede che quest’anno oltre il 50% delle ricerche avverrà utilizzando la ricerca vocale. La ricerca vocale sta diventando molto comune, grazie ai dispositivi domestici intelligenti come Alexa, Siri, Nest, OK Google

Tuttavia, molti inserzionisti non si concentrano su questo fatto quanto dovrebbero. Alcune ricerche vocali non sono in grado di intercettare adeguati annunci con le query di ricerca che generano. Le query di ricerca vocale sono più lunghe rispetto alle normali query di ricerca, quindi assicurati di ottimizzare la ricerca vocale nel modo giusto. Ecco qualche consiglio:Il primo passo è verificare se le tue campagne stanno ricevendo traffico di utenti tramite ricerca vocale.

Ottieni il rapporto sulle query di ricerca dalle parole dell’annuncio.

Filtra tutte le query di ricerca pertinenti.

Utilizza uno strumento per le parole chiave per finalizzare le parole chiave per la tua ricerca vocale.

Includi parole chiave a corrispondenza inversa ma assicurati di aggiungere parole chiave a corrispondenza inversa basate sulla ricerca.

MAGGIORE ATTENZIONE AGLI ANNUNCI PER MOBILE

Se il caricamento del sito Web sui dispositivi mobili richiede troppo tempo, o è poco usabile, è meglio risolvere questo problema e procedere solo successivamente con gli annunci PPC mobili. Ecco i nostri consigli: Sistema prima il sito web per offrire ai tuoi utenti un’esperienza mobile eccezionale. Posiziona le estensioni annuncio mobile nei tuoi annunci. Utilizza parole chiave allettanti per aiutare l’utente a prendere rapidamente una decisione. Aggiungi offerte e incentivi ai tuoi annunci. Ottimizza i tuoi annunci in base al giorno e all’ora utilizzando la funzione di divisione del giorno delle parole degli annunci.

Includi eventuali emoji nei tuoi annunci per far notare immediatamente il tuo messaggio

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

OFFERTE AUTOMATICHE PER SUPERARE LA CONCORRENZA 

Questa strategia funziona molto bene per superare tatticamente i nostri concorrenti sul motore di ricerca di Google. L’offerta dei tuoi annunci Google si adatta automaticamente utilizzando questa tecnica in modo da poter superare gli annunci del tuo concorrente, ma è limitata alle campagne della rete di ricerca a cui ti rivolgi, quindi assicurati di scegliere come target la rete di ricerca giusta. 

La tecnologia Smart Bidding di Google è un insieme di strategie di offerta basate sulle conversioni (CPA target, ROAS target e CPC ottimizzato) che utilizzano il machine learning per aiutarti a fare l’offerta giusta a ogni singola asta. Per cogliere le peculiarità di ogni singola ricerca, Smart Bidding utilizza una vasta gamma di indicatori relativi al momento dell’asta, tra cui il dispositivo, la località, l’ora del giorno, l’elenco per il remarketing, la lingua e il sistema operativo. 

Come funziona effettivamente questa strategia? Il primo passo è scegliere la campagna e visualizzare un quadro completo della forza del tuo concorrente semplicemente facendo clic sul pulsante “Selezionato” nella scheda “Dettagli”. Mostrerà un rapporto approfondito in modo che tu possa vedere quale concorrente ti sta superando. Questo rapporto ti mostrerà anche il numero di volte in cui i tuoi annunci aumentano rispetto all’annuncio dell’inserzionista elencato. 

Nella fase successiva, puoi facilmente individuare tutti i domini in cui la tua quota di superamento era inferiore rispetto ai tuoi concorrenti. 

Quindi, ora hai i domini che desideri superare utilizzando la quota di superamento di destinazione.

È ora di implementare questa tecnica. 

Fai clic su “Quota outrank target” in “Strategia di offerta”. Indica il nome del dominio che desideri superare, imposta la scheda “Target da superare”, la scheda “Limite di offerta massimo” e “Automazione dell’offerta”. Tieni presente che le offerte automatiche conferiscono l’autorità di aggiustamento delle offerte a Google Ads mentre, nelle offerte manuali, devi impostare le offerte manualmente. 

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

PUBBLICO STRATIFICATO: DATI DEMOGRAFICI E AFFINITÀ 

Non è un segreto che una campagna funzionerà al meglio quando definisci chiaramente a chi è destinata. Utilizzando la potenza combinata di Google Ads e Analytics, puoi offrire alle tue campagne maggiori possibilità di successo scegliendo come target coloro che hanno maggiori probabilità di intraprendere l’azione desiderata. I dati demografici e interessi forniscono informazioni sull’età e sul sesso degli utenti nonché sugli interessi che esprimono nelle attività di navigazione e di acquisto online. 

COSTO PER CONVERSIONE MIRATO 

L’ottimizzazione delle conversioni è un’ottima strategia per mantenere un costo per conversione stabile tra i tuoi annunci. Ti consente di ottenere tutte le tue conversioni con un budget specifico. Puoi impostarlo su una singola campagna così come su più campagne. Ma devi assicurarti di aver impostato la funzione di monitoraggio delle conversioni altrimenti non sarai in grado di ottimizzarla correttamente. Quando imposti il monitoraggio delle conversioni sulle tue campagne, consente a Google Ads di rilevare un CPC ottimale delle tue offerte. Queste offerte sono considerate come un CPA medio utilizzato da Google per il targeting tra le tue campagne. Il CPA mirato viene calcolato sulla base di dati storici. Per questo motivo, è necessario considerare il target CPC per assicurarsi che non si trovi sul lato inferiore perché se le ultime conversioni monitorate dalle parole dell’annuncio rientrano nel periodo in cui non si ottengono conversioni sufficienti, ciò può influire negativamente sulla tua recente campagna. 

Non è stato fornito nessun testo alternativo per questa immagine

Contattaci a basemultimedia@gmail.com 

Contattaci ora e scopri come possiamo aiutarti. 

L’approccio di Basemultimedia è pratico, concreto, veloce. 

Vuoi capire se possiamo essere utili alla tua causa? 

C’è un solo modo, intelligente, per capirlo e per non perdere un’opportunità: confrontiamoci. 

Basemultimedia è in grado di sfruttare al meglio le tendenze e creare la migliore strategia per far crescere il vostro business online. 

E.REMOTO->Linkedin

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...